Chiudi Menu
LA CICATRICE SULLA PELLE, NE PARLA UN OSTEOPATA

Calle Legrenzi, 2, Mestre Venezia

05 Marzo 2019

LA CICATRICE SULLA PELLE, NE PARLA UN OSTEOPATA

Quando si parla di cicatrici quello a cui si pensa è al segno marcato sulla pelle.
 
La pelle non è solo una parete protettiva, è bensì un organo, il più esteso con i suoi due metri quadrati e il più pesante rappresentando il 16% del nostro peso. Essa possiede molte funzioni, quella che più interessa la postura è l'esterocezione.
 
Osservando una sezione cutanea si può notare la fitta rete di recettori presente. Questi in ogni istante ci informano (la pressione sulla sedia, lo sfioramento dei vestiti, caldo-freddo...) e con tutte le informazioni il sistema posturale, integrandole con altre provenienti da altri canali (occhio, vestibolo, bocca), e aggiungendo i vissuti, la cultura, il lavoro genera la nostra postura.
 
L'informazione dei recettori raggiunge il cervello per l'integrazione attraverso i nervi. La connessione tra pelle-cicatrice e postura perturbata è quindi il sistema nervoso.
 
Chiamare in causa il sistema nervoso significa parlare di segnali elettrici. E anche parlando di cicatrici si ha a che fare con stimoli elettrici: ci sono ricerche che dimostrano come anche una cicatrice bella e morbida abbia un'attività elettrica più alta della controparte sana durante i movimenti.
 
Riassumendo: cicatrice sulla pelle, stimolo elettrico alterato, sistema nervoso, risposta-adattamento posturale che può generare un sintomo-dolore a breve o a lungo termine. Per questo l'argomento cicatrici interessa molto anche l'osteopata.
 
Tra i link un estratto del mio intervento all'evento tenutosi al Centro Culturale Candiani a Mestre.
Facebook
Whatsapp
Telegram
Twitter
Google Plus

Link utili