Chiudi Menu
L'OSTEOPATA AL SERVIZIO DELL'ORTODONZIA

calle legrenzi 2, mestre

07 Gennaio 2019

L'OSTEOPATA AL SERVIZIO DELL'ORTODONZIA

Il paziente che deve fare dell'ortodonzia, può trarre più di qualche beneficio nel rivolgersi contemporaneamente all'osteopatia. Vediamo perché.
 
L'ortodonzia studia e corregge la malocclusione.
 
Il corpo umano è pervaso da recettori che, informando costantemente il cervello, definiscono le nostre risposte posturali all'ambiente (interno ed esterno). Un importante modulatore posturale è il sistema stomatognatico, che molto semplicisticamente si può riassumere nella parola "bocca"; in realtà comprende tutte quelle strutture in relazione alla fonazione, respirazione, mimica, salivazione, masticazione, deglutizione.
 
Compresa questa connessione tra la bocca e la postura, facilmente si comprende la necessità che il trattamento osteopatico accompagni il percorso terapeutico ortodontico.
Scopo dell'osteopata non sarà solo quello di trattare e liberare le strutture prettamente in connessione col sistema stomatognatico, bensì sarà anche quello di dare a tutto il sistema posturale la massima disponibilità per accettare i cambiamenti in arrivo ed evitare scompensi posturali (finanche scoliosi).
 
L'ideale sarebbe poter vedere il soggetto due o tre volte prima dell'inizio della terapia ortodontica. Nel momento in cui i test posturali sono stabili e i tessuti liberi si potrà cominciare serenamente il lavoro correttivo in bocca.
Se non si palesassero sintomi indesiderati come forti cefalee in primis, o dolori nuovi e mai percepiti prima, il paziente potrà essere visto dall'osteopata al termine del trattamento dentistico. Pianificando poi un ricontrollo a sei mesi di distanza.
 
Grazie a questo lavoro d'equipe col dentista si riducono le resistenze tissutali rendendo le correzioni ortodontiche più veloci, stabili e prive di complicazioni posturali. Tali collaborazioni e accortezze si rendono ancor più necessarie se si considera che i pazienti di cui stiamo parlando, quelli che mettono l'apparecchio, molto spesso sono in età di accrescimento.
Facebook
Whatsapp
Telegram
Twitter
Google Plus